Prepariamo delle succulente e confortevoli sovracosce di pollo, cotte lentamente nel vino bianco del territorio. Per questa ricetta abbiamo usato un vitigno a bacca bianca, uno Chardonnay di Villa Parens, con meno alcohol e niente legno, ideale per accompagnare secondi piatti di carni bianche.

Il risultato finale, accompagnato da croccanti patate di montagna è veramente da leccarsi i baffi e semplicemente delizioso.

Ricetta by Soul Food in collaborazione con Ghisa Nativa e Villa Parens.

Ingredienti:

  • 8 sovracosce di pollo preferibilmente bio
  • sale e pepe qb
  • 3 spicchi d’aglio
  • 2 cipolle
  • vino bianco Chardonnay qb
  • olio Evo qb
  • erbe fresche miste tritate (salvia, prezzemolo, alloro, timo e rosmarino)

Procedimento:

In un pentola Ghisa Nativa o in una pentola antiaderente, che possa poi essere inserita in forno, rosolare le sovracosce prima dalla parte della pelle e successivamente dall’altra. Lasciar rosolare utilizzando solo il grasso rilasciato della pelle.

A fine rosolatura togliere la carne e metterla da parte. Nella stessa padella aggiungere l’aglio schiacciato e privato dell’anima, tagliare finemente le cipolle e le erbe con 2 cucchiaini di olio EVO e far soffriggere. Aggiungere le sovracosce private della pelle rosolandole con l’aggiunta del vino bianco Chardonnay di Villa Parens.

Lasciar evaporare l’alcol per alcuni minuti e informare a forno statico a 170° per almeno un paio d’ore aggiungendo dell’acqua per evitare che la carne si secchi. Controllare di tanto in tanto la cottura fino al raggiungimento di un bel colore dorato. Servire ben caldo accompagnato da alcune piccole patatine di montagna, cotte in forno con la loro buccia e ben speziate.

Gnam Gnam!

Pollo SoulFood

Foto Credit © SoulFood CpR – Francesca e Luca "Ronka" Roncadin –