Un nuovo approccio al cibo, con dibattiti e degustazioni gratuite. Sono queste alcune delle novità di Good 2018, la kermesse sulla ristorazione e l’agroalimentare svoltasi il mese scorso e che mancava a Udine da tre anni. 

Una manifestazione apprezzata dal pubblico soprattutto come momento sociale e culturale. Ma il cambiamento di paradigma di questa edizione è stato proprio nell’approccio: un coinvolgente racconto sulle qualità dell’agroalimentare e della ristorazione, considerando il cibo come fondamento della salute e dell’etica. In questa edizione si è potuto infatti toccare con mano, degustare prodotti tipici locali, regionali e nazionali, approfondire la cultura del cibo come tema di incontro e confronto e infine anche acquistare i prodotti.

(Udine, a Good 2018 nuovo debutto per la fiera del gusto e della ristorazione)

Alla cerimonia di apertura sono intervenuti Luciano Snidar, presidente di Udine e Gorizia Fiere, Alessandro Tollon, presidente della Camera di Commercio Pordenone e Udine e l’assessore alle Attività produttive del Comune di Udine Maurizio Franz. Sono stati loro a sottolineare gli aspetti più importanti relativi a questo tipo di manifestazioni, che consentono ai visitatori di scoprire le proprietà delle materie prime, le fasi di lavorazione e trasformazione per arrivare al prodotto finale e di orientarsi nel sempre più complesso mondo del commercio alimentare, guidati dalle esperienze, competenze e conoscenze di aziende, produttori, protagonisti delle maggiori categorie professionali dell’agroalimentare e della ristorazione (cuochi, panificatori, pasticceri, macellai).

(Udine, a Good 2018 nuovo debutto per la fiera del gusto e della ristorazione)

La cerimonia inaugurale è proseguita con l’interessante talk show condotto da Fabrizio Nonis, conosciuto dal grande pubblico con lo pseudonimo di El Bekér, e Sonia Peronaci, scrittrice, blogger e fondatrice di giallozafferano.it. L’interessante scambio di battute ha portato i due ospiti ad analizzare il tema di “Cibo reale e Cibo virtuale”, evidenziando il boom di persone che sui social e sul web postano le loro ricette, spesso senza avere una storia da raccontare e dimenticandosi di trasmettere i valori fondamentali che il cibo incarna. Sonia Peronaci è stata una delle prime persone che ha utilizzato il canale web per condividere la propria passione e competenza in cucina, tenendo in considerazione sempre l’importanza degli ingredienti, della loro stagionalità e del territorio dove vengono prodotti. 

I quattro giorni del salone sono stati scanditi da un nutrito programma con oltre 85 eventi, che ha dato l’opportunità di aprire un dialogo semplice e chiaro con le persone e con gli addetti ai lavori, cogliendo gli interessi e le esigenze di un target davvero ampio, passando anche attraverso realtà consolidate e aspetti attuali del cibo e dell’alimentazione come celiachia ed etica del gusto. 

(Udine, a Good 2018 nuovo debutto per la fiera del gusto e della ristorazione)

Tra tutti gli eventi, ci sono stati incontri che si sono rivelati vere e proprie perle come quello con Lara Starz e Adriano Maniacco che hanno presentato il “Nostro Friuli nel sushi”, quelli con JoÅ¡ko Gravner sulla Ribolla Gialla; Massimo Spigaroli sul culatello; Bruno Lupieri e le empanadas; le lumache di Consuelo Bravin e Matteo Venuti; il quinto quarto con Giuseppe Zen.

Anche il vino, una delle massime eccellenze del Made in Italy, ha avuto lustro e risalto all’interno della fiera. Quest’anno è stata infatti allestita una vera e propria “Enoteca Italia”, in cui erano presenti oltre 200 etichette e un migliaio di bottiglie di aziende agricole selezionate dalla guida Vini Buoni d’Italia.

Per informazioni: www.goodexpo.it

Pubblicato da #SoulFoodCpR su Italia a Tavola

Link all’articolo originale

Foto Credit © SoulFood CpR – Francesca e Luca "Ronka" Roncadin –