I Pici sono una pasta “povera”, legata alla cucina contadina, una preparazione semplice e tipica della tradizione culinaria toscana. Un primo piatto che sa di tradizione e di sapori antichi.

Un ritorno alle radici del gusto, un filo conduttore che lega perfettamente la nostra storia personale a questo piatto.

Questo tipo di pasta è fatta solo con acqua, farina e poco sale per essere un piatto sano, equilibrato e che rispetta pienamente il quadro e le indicazioni nutrizionali della piramide alimentare dell’alimentazione mediterranea, di cui noi, attraverso il nostro food blog “soulfoodcpr.it” volgiamo essere attivi sostenitori e attenti promotori.

Per questo piatto abbiamo utilizzato alcune delle straordinarie eccellenze del nostro paese: l’olio EVO Tergeste D.O.P., autentica perla della nostra regione FVG, l’Aglio Bianco Polesano D.O.P. del Veneto, il Pecorino Sardo D.O.P. della Sardegna.

Queste le qualitĂ  del gusto per dare il giusto risalto ai Pici, uno dei piatti piĂą caratteristici della Toscana e del senese.

Ingredienti per realizzare i pici: (4 persone)

  • farina di grano tenero tipo 0 (300g),
  • acqua tiepida (150ml)
  • una presa di sale
  • 2 cucchiaini d’olio EVO Tergeste D.O.P.

Procedimento per la pasta fatta a mano:

Disponete la farina a fontana su una spianatoia o sul tavolo pulito. Aggiungete l’acqua al centro a poco a poco, poi l’olio.

Molto importante è la qualitĂ  della farina, che deve essere della tipologia adatta alla pasta fresca, ovvero con bassa elasticitĂ  e soprattutto basso contenuto in ceneri (potrebbero causare un veloce imbrunimento dell’impasto).

Impastate velocemente ed energicamente gli ingredienti per circa 10 minuti, fino a formare un panetto omogeneo e fatelo riposare per 30 minuti (nel frattempo preparate il condimento).

Con un matterello stendete l’impasto fino a raggiungere lo spessore di circa 1 cm. Tagliate delle strisce della larghezza di mezzo cm e con il palmo delle mani date la forma cilindrica fino a creare delle rozze cordicelle…il picio.

Stendete la pasta di pici così formata su un panno di stoffa e impolverate con semola di grano duro o farina di granoturco, per evitare che si attacchino.

Ingredienti per il condimento:

  • 1 cavolo romano di media grandezza
  • 1 spicchio d’Aglio Bianco Polesano D.O.P.
  • 15 g di Pecorino Sardo D.O.P.
  • 2 cucchiaini d’olio EVO Tergeste D.O.P.
  • Bacche di Pepe rosa q.b.
  • Noci q.b.

Procedimento per il condimento e l’impiattamento finale:

Pulire il cavolo romano e ridurlo in piccole cimette. Mettere a bollire l’acqua e aggiungere il sale. Immergere il cavolo non appena l’acqua bolle e lasciarlo cuocere per circa 5/6 minuti.

Prendere il bicchiere di un minipimer e mettere una parte di cime di cavolo (circa tre quarti della quantitĂ ) e aggiungere un mestolo d’acqua di cottura.

Frullare insieme al pecorino, uno spicchio d’aglio, olio evo aggiustando con sale pepe.

Nella stessa acqua di cottura del cavolo romano far cuocere i pici per circa 5 minuti. Scolare i pici mantecandoli in una padella unendoli alla crema precedentemente frullata.

Impiattare aggiungendo le noci, le bacche di pepe rosa e guarnendo infine con le cime di cavolo rimaste.

Pici toscani fatti a mano con crema di cavolo romano, pecorino sardo e olio Tergeste, granella di noci e bacche di pepe rosa

I Consigli di #SoulFoodcpr

Questa ricetta ha conquistato il secondo posto tra le migliori ricette d’Italia nel contest dei Food Blogger indetto da Cibò SoGood! di Bologna. Qui trovate tutto sulla nostra esperienza bolognese.

Soulfoodcpr secondo classificato migliori ricette d'Italia